Come Usare il Metodo RISEN per Creare Prompt Efficaci su ChatGPT

RISEN-PROMPT-PERFETTI.CHAT-GPT-MASSIMILIANO-PIOLI

Come Usare il Metodo RISEN per Creare Prompt Efficaci su ChatGPT

Quando si utilizzano strumenti di intelligenza artificiale come ChatGPT, è fondamentale saper comunicare in modo chiaro ed efficace per ottenere i risultati desiderati.

Spesso, però, tradurre i nostri pensieri in istruzioni precise può essere una sfida. È qui che entrano in gioco i “Prompt framework”, strutture che ci aiutano a fornire le informazioni giuste al chatbot AI che stiamo utilizzando.

In questo articolo, vi presenterò il metodo RISEN, un potente framework per creare prompt efficaci e ottenere il massimo da ChatGPT.

Cos’è il Metodo RISEN?

RISEN è un acronimo che sta per:

  • Role (Ruolo)
  • Instructions (Istruzioni)
  • Steps (Passi)
  • End goal (Obiettivo finale)
  • Narrowing (Restringimento)

Questo modello fornisce un approccio strutturato per scomporre attività complesse in componenti specifici e attuabili, consentendo una migliore esecuzione e focalizzazione.

Componenti del Metodo RISEN

  1. Ruolo: Il primo passo è definire il ruolo che vogliamo far assumere all’AI. Potrebbe essere un copywriter, un analista, un problem solver o qualsiasi altro ruolo pertinente alla nostra attività.
  2. Istruzioni: Qui inseriamo il compito principale che vogliamo far completare all’AI. È importante essere chiari e specifici, fornendo tutti i dettagli necessari come il pubblico di riferimento, gli obiettivi e le tempistiche.
  3. Passi: In questa sezione, elenchiamo i passaggi che l’AI deve seguire per completare il compito. Più chiari e strutturati sono i passaggi, migliore sarà il risultato finale.
  4. Obiettivo finale: Qui definiamo l’obiettivo dell’output, ciò che vogliamo ottenere alla fine del processo. Questo aiuta l’AI a focalizzarsi sul risultato desiderato.
  5. Restringimento: Infine, specifichiamo eventuali vincoli o restrizioni che l’AI deve rispettare durante l’esecuzione del compito, come il limite di parole, il tono di voce o le parole chiave da includere o escludere.

Esempi Pratici di Prompt Usando RISEN (Vedi Video)

Nel video, ho fornito alcuni esempi concreti di come utilizzare il metodo RISEN per creare prompt efficaci:

  1. Organizzare un Evento di Beneficenza
  2. Pianificare una Vacanza al Mare
  3. Promuovere un Noleggio di Auto Elettriche

Analizzando le risposte di ChatGPT a questi prompt, ho mostrato come il metodo RISEN possa portare a risultati dettagliati e pertinenti.

Consigli per Padroneggiare il Metodo RISEN

  1. Inizia in piccolo: Se non hai molta esperienza, inizia inserendo meno informazioni nei tuoi prompt e aumenta gradualmente il livello di dettaglio man mano che acquisisci familiarità con il processo.
  2. Sii dettagliato: Più dettagliati sono i tuoi input e passaggi, più su misura sarà la risposta dell’AI. Non aver paura di essere specifico!
  3. Rimani realistico: Ricorda che anche l’AI più avanzata ha dei limiti. Non chiedere l’impossibile, ma cerca di sfruttare al massimo le capacità dello strumento che stai usando.
  4. Sperimenta: L’AI non si offende se fai tentativi ed errori. Prova diverse formulazioni e combinazioni di prompt per vedere cosa funziona meglio per te.
  5. Sii logorroico: Non aver paura di ripeterti quando dialoghi con l’AI. A differenza degli umani, l’AI non si annoierà o si irriterà se ripeti le cose più volte. Al contrario, la ripetizione può aiutare a rinforzare i concetti chiave.

 

 

FAQ

  1. Quanto dovrebbe essere lungo un prompt ben strutturato? Non c’è una lunghezza predefinita per un prompt efficace. Dipende dalla complessità del compito e dal livello di dettaglio necessario. L’obiettivo è fornire tutte le informazioni pertinenti senza diventare prolissi.
  2. Cosa succede se non fornisco abbastanza dettagli nel prompt? Se non fornisci abbastanza dettagli, l’AI potrebbe fare supposizioni o generare un output che non soddisfa appieno le tue esigenze. È sempre meglio fornire più informazioni piuttosto che meno.
  3. Posso usare il metodo RISEN per altri strumenti di AI oltre a ChatGPT? Sì, il metodo RISEN può essere adattato e utilizzato con vari strumenti di AI che accettano input testuali, non solo con ChatGPT.
  4. Come posso misurare l’efficacia dei miei prompt? Valuta l’output generato dall’AI in base alla sua pertinenza, qualità e aderenza alle tue istruzioni. Se l’output soddisfa i tuoi obiettivi e richiede poche modifiche, il tuo prompt è stato efficace.
  5. Ci sono alternative al metodo RISEN per creare prompt efficaci? Sì, esistono altri framework per la creazione di prompt, come CLARA e PAL. Tuttavia, RISEN è un metodo collaudato e versatile che può essere applicato a una vasta gamma di attività.

Conclusione

Il metodo RISEN è un potente strumento per creare prompt efficaci e ottenere il massimo da ChatGPT e altri strumenti di AI. Seguendo la struttura RISEN e i consigli forniti in questo articolo, sarete in grado di comunicare in modo chiaro e ottenere risultati straordinari.

Vi invito a guardare il video per vedere esempi concreti e a sperimentare voi stessi il metodo RISEN.


 

Massimiliano Pioli, appassionato e esperto in AI e marketing digitale, la mia missione è guidare l’evoluzione del settore attraverso l’adozione di strumenti di intelligenza artificiale. La mia carriera si distingue per un costante impegno nell’apprendimento e nell’innovazione, il mio obiettivo è creare legami autentici e significativi tra i marchi e il loro pubblico. Sono sempre pronto a confrontarmi con persone stimolanti e di valore, poiché credo che lo scambio di idee arricchisca sia a livello professionale che personale.

Vuoi la mia lista di Prompt Testati e Pratici? Clicca qui

Contattami qui 👉 Whatsapp

Prenota una Consulenza

email: @info@massimilianopioli.com

👇 I miei canali👇

Iscriviti al mio canale Youtube

Instagram Tik Tok Linkedin Facebook

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.